Su filari di lampioni
piantati nell’asfalto
maturan frutti alieni
d’un pallor stravolto;

qualcuno è caduto
dentro pozzanghere
di acqua e polvere,
ignorato, trascurato;

nessuno raccoglie
l’immangiabile, tetro,
raccolto di spoglie
piantagioni di vetro

e metallo: è amaro
il sapore del degrado;
non v’è cibo né riparo
in campi di cemento!

Composta il 25 novembre 2016. Quartine a rime alternate.