Siamo l’unica forma di vita su questo pianeta a cui l’evoluzione ha concesso tempo e occasioni per trascendere parte dei propri limiti, privilegio vanificato dalla nostra palese propensione al declino e all’autodistruzione.


Scritto il 25 dicembre 2005.