L’alba cammina
con sulle spalle
un roseo scialle
e calzari di brina

avvolti da pallidi
respiri campestri;
dei fasti silvestri
restan rami nudi

e tumuli di foglie
su cui tutto tace:
di ogni viva brace
perduran spoglie

silenziose, inerti,
coperte dal gelo
con un niveo velo
di astri ghiacciati.

Composta il 17 dicembre 2017. Quartine a rime incrociate.